Comivis e il servizio civile

Cos'è il servizio civile universale?

Il servizio civile rappresenta un’opportunità importante offerta a giovani per vivere un’esperienza di volontariato e di formazione alla cittadinanza attiva e solidale.

Dal 2008 Comivis, in qualità di socio FOCSIV (ente accreditato presso l’Ufficio Nazionale del Servizio Civile) invia giovani volontari all’estero, nelle periferie di Belo Horizonte, San Paolo (Brasile) e Lima (Perù).

I giovani volontari scelgono di fare questa esperienza con il desiderio di condividere un anno della loro vita a servizio degli altri, collaborando alla realizzazione di programmi di sviluppo in ambito educativo, sanitario e alimentare. Inseriti in un ambiente familiare e in un contesto stimolante, imparano a confrontarsi con mentalità e culture diverse, acquisendo abilità utili alla loro crescita personale e professionale, collaborando ogni giorno alla costruzione di una società più giusta e solidale.

Terminato il servizio civile, un giovane volontario ha condiviso la sua esperienza

L’incontro con il popolo peruviano ha voluto dire incontro con l’uomo impoverito da una società ingiusta. Il sentimento di ingiustizia è stato il più forte durante questo anno. Davanti alla vastità della povertà ho pianto molte volte. Fino al giorno della partenza i miei occhi hanno visto, amato, accompagnato ogni situazione di miseria vista, da quella davanti al portone di casa a quella fuori dall’aeroporto. È stato un incontro con l’uomo impoverito che, comunque, sa che la vita vale, che spera in un mondo migliore, che lo desidera anche se non sa quando arriverà

Dal 2001 sono 300.000 i giovani italiani che hanno creduto nell’esperienza del servizio civile.
E Comivis ci crede insieme a loro.

A Lima i giovani in servizio civile sono impegnati in ambito sanitario, coadiuvando gli operatori del Centro medico La Trinidad” o supportando l’azione dei comedores popularesper la sicurezza alimentare della popolazione povera.
A Belo Horizonte i volontari collaborano all’azione educativa per i minori a rischio del “Centro de Acolhida Betânia”.

Bandi aperti

Vai al bando 2021 

Domande frequenti

Per partecipare ad uno dei nostri progetti di Servizio Civile è necessario attendere il bando nazionale per volontari del Servizio Civile pubblicato periodicamente dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale nel sito www.serviziocivile.gov.it. 

Durante la fase di apertura del Bando potrai scaricare la modulistica di riferimento per presentare la tua candidatura. Potrai presentare una sola domanda per un unico progetto.  

Ti suggeriamo di prendere per tempo tutte le informazioni utili per orientarti, tenendo presente i diversi aspetti che possono guidare la tua scelta (conoscenza dell’ente, paese, attività del progetto e dei volontari, tipologia di destinatari, modalità organizzative del servizio…). 

Il Servizio Civile Nazionale all’estero è un’occasione unica di crescita, di scambio ed arricchimento, personale e professionale, che rappresenta uno strumento particolarmente efficace per diffondere la cultura della solidarietà e promuovere l’educazione alla pace e alla nonviolenza. 

Chi ha già svolto esperienze formative e di volontariato in ambito socio-educativo, in Italia o all’estero, e sceglie di impegnare 12 mesi della sua vita, potrà aggiungere un’esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze e competenze e, soprattutto, di vita.  Oltre agli importanti aspetti di crescita umana, personale e civica, acquisirai competenze riguardanti l’aiuto e l’assistenza di minori, donne e giovani con disabilità o in situazione di fragilità sociale, in un paese del Sud del mondo. 

Tutti i progetti di Servizio Civile Nazionale durano 12 mesi. É previsto un periodo iniziale di formazione generale in Italia e la possibilità di un rientro dal paese estero per una seconda fase di formazione intermedia.   

L’Ufficio Nazionale del Servizio Civile provvede alla copertura per le spese di viaggio, vitto e alloggio del volontario, a cui è inoltre corrisposto un compenso mensile e un rimborso per ogni giornata di servizio svolto all’estero in base al Paese di destinazione. 

Tutti i progetti Comivis prevedono attività di empowerment delle parti più deboli e oppresse della popolazione (minori, giovani, donne e disabili) attraverso azioni di assistenza, educazione, promozione socio-culturale e ambientale. Trattandosi di contesti spesso ad alta conflittualità e tensione sociale, l’obiettivo dell’azione progettuale è quello di attivare reti tra persone, organizzazioni e/o istituzioni, sostenendo i legami della comunità per facilitare la costruzione di un clima di maggior fiducia e coesione tra le parti (community-building). 

In generale, svolgerai le tue attività di servizio presso asili, scuole, centri diurni, case di accoglienza e centri comunitari di aggregazione.   

Al volontario in servizio civile all’estero chiediamo: 

consapevolezza rispetto al tipo di esperienza per la quale cui ci si intende candidare; 
disponibilità e flessibilità nel successivo svolgimento del servizio; 
– buona disposizione alla vita di comunità, in quanto si tratta di un’esperienza intensa, di gruppo, a stretto contatto con gli altri volontari e con la comunità locale; 
impegno in tutte le fasi di svolgimento del progetto; 
partecipazione attiva e responsabile in tutti i momenti di servizio e di vita nella comunità che ci accoglie. 

Per maggiori informazioni su progetti e modalità di partecipazione puoi:

scrivere all’indirizzo email servizio.civile@comivis.org
chiamare il numero 0426 322608

Ti potrebbe interessare anche