Lucia e Beatrice: “A San Paolo abbiamo affrontato nuove sfide”

Beatrice Rosetti e Lucia Barbangelo hanno vissuto il loro anno di servizio civile con COMIVIS nella missione della Comunità Missionaria di Villaregia a San Paolo (Brasile). Hanno lavorato intensamente, seguendo due settori diversi: Beatrice si è occupata dell’insegnamento della lingua inglese ai ragazzi del Centro Infanto Santa Julia mentre Lucia ha lavorato nell’ambito del progetto Juventude da Hora


 

Beatrice si è dedicata alla formazione di bambini e adolescenti alla lingua inglese, anche attraverso giochi e attività ricreative. Lucia, invece, nell’ambito del progetto Juventude da Hora, si è occupata di aggiornare la banca dati informatica e cartacea, seguendo i diversi laboratori offerti: chitarra, danza, balletto, calcio, artigianato per le mamme.

La loro testimonianza

“La nostra esperienza è stata molto positiva, soprattutto grazie ai colleghi di lavoro, che non si limitavano ad essere “semplici colleghi”, ma bensì veri e propri amici. Questo ha facilitato il nostro inserimento e alleggerito il carico di lavoro quotidiano. Insieme a ciascun collaboratore, abbiamo organizzato attività che potessero attrarre i giovani per dare loro la possibilità di poter apprendere qualcosa di nuovo, che li potesse aiutare a costruirsi una vita migliore”.

Abbiamo vissuto due esperienze diverse, ma entrambe siamo riuscite a conoscere la cultura brasiliana.

All’interno del Centro Infanto Santa Julia, Beatrice ha lavorato con bambini vittime di violenza domestica e ha avuto la possibilità di conoscere le famiglie dei ragazzi e le loro storie. Questo le ha permesso di entrare dentro la realtà più povera brasiliana. Lucia, nel frattempo, si è dedicata ai giovani della parrocchia e al servizio ai più poveri, come ad esempio i bambini di strada, nell’ambito del progetto Juventude da Hora.

 

“Questa esperienza per noi è stata estremamente formativa, sia dal punto di vista personale che di relazioni. Questo anno di Servizio Civile ci ha dato la possibilità di conoscere di più noi stesse, di scoprire nuovi aspetti della nostra personalità, mettendoci di fronte a nuove sfide. È stata anche l’occasione per entrare in contatto con un contesto del tutto nuovo e completamente differente da quello a cui siamo abituate. Abbiamo conosciuto una nuova cultura e un nuovo modo di vivere, potendo anche prendere nuovi spunti per la nostra vita. Abbiamo appreso una nuova lingua e creato relazioni con persone locali che ci hanno permesso di sviluppare una nuova visione del mondo e dei problemi sociali!”

 

SFOGLIA IL LORO ALBUM DEI RICORDI!